newsletter 8-2013

Cari amici del ESG,

che era di nuovo davvero grezzo: Nel lungo week-end è andato molto molti film in TV – e molti di loro erano piuttosto brutale. Anche quando lo zapping attraverso abbiamo visto un sacco di sangue e morti. A quanto pare, la gente processo di arte e spettacolo (per non parlare di tutte le notizie), che viviamo in un mondo, in cui vi è più o meno male. Ma quando tutto è detto nella nostra religione, che l'uomo è un peccatore, incline al male, rompe immediatamente una tempesta di merda di indignazione da. Molteplici giornalisti e altre persone hanno, che hanno letto il Catechismo di Heidelberg, in occasione del suo anniversario, per la prima volta, herumgemault a me, ma qualcosa che potrebbe più dire – oggi!

Oh! Ho pensato. In primo luogo, si dovrebbe, ma una volta libera dell'ideologia analizzare il presente e in secondo luogo, leggere il Catechismo poveri ortografia fuori fino alla fine e, se possibile, anche un paio di volte da Ah a Zett. Mercoledì prossimo cercherò di mostrare, che non si può evitare di pensare a una prospettiva realistica sulla gente poi molto ottimista uomo reformatorischerseits, proprio allora, se non si lascia Dio fuori dal gioco. “Homo heidelbergensis” – Non voglio dire le ossa, sono stati trovati molto tempo fa in parete, ma l'immagine dell'uomo, wie es im Heidelberger Katechismus enthalten ist. Darüber dann mehr am Mittwoch ab 20.15 Orologio in Casa Karl Jaspers ', Plöck sessantasei.

Dopo un servizio di Pentecoste molto ben frequentato adesso non vedo l'ora per il servizio con tre battesimi e predicando da Gerd Theissen di Domenica nella Chiesa di San Pietro. E come parte del fine settimana ei campioni Coro temperato canterà in questa chiesa.

Saluta calorosamente Hans-Georg Ulrichs.